LA CANTINA DEI GOLOSI

Scopri i prodotti della tradizione Umbra!

Direttamente dalla nostra Cantina

Una selezione delle antiche ricette tramandate da generazioni.

"Strangozzi al vino"

Pasta fatta in casa come da tradizione

Pasta artigianale “La Cantina dei Golosi”, delicati strangozzi al vino, in busta da 500 Gr.

La pasta “La Cantina dei Golosi” parte da una materia prima di qualità assoluta, semole selezionate con una percentuale di glutine maggiore. A garantire l’artigianalità della pasta, regole ferree.

Dopo la gramolatura, l’impasto di acqua (rigorosamente fredda) e semola passa attraverso le trafile in bronzo, che ne garantiscono la giusta ruvidità, necessaria per sposarsi con ogni tipo di sugo e per essere ripassata in padella dopo la cottura.

Successivamente giunge nelle cabine per l’essiccazione: un metodo tradizionale che può durare fino a 50 ore, dieci volte di più rispetto ai procedimenti industriali. Questo fa si che amido e glutine e si distribuiscano perfettamente al centro della pasta, come nella periferia, per avere una cottura uniforme.

Iniziano poi le fasi di selezione e confezionamento, eseguite rigorosamente a mano.

3 Buoni motivi per scegliere la nostra pasta:

1.    Pasta artigianale:
La nostra pasta artigianale è ottenuta impastando lentamente le semole di grano duro con acqua fredda.
2.    Trafilatura al bronzo:
La trafilatura al bronzo rende la pasta ruvida e porosa. Questo permette alla pasta di assorbire bene i condimenti.
3.    Lenta essiccazione:
La pasta viene essiccata a “bassa temperatura” (60° C.) circa.

 

GLI STRANGOZZI:

Gli strangozzi sono una pasta lunga a sezione rettangolare, tipica del comprensorio Folignate-Spoletino ma diffusi anche in tutta l’Umbria, nelle Marche e nel Lazio. Sono chiamati anche, a seconda delle zone, stringozzi, strengozzi, strongozzi, nel perugino vengono chiamati umbricelli e nel ternano sono conosciuti come ciriole, o manfricoli . L’aspetto è simile a quello dei tagliolini ma, a differenza di questi, sono più spessi e senza uovo.

Prodotto “povero” che, secondo la scheda di prodotto agroalimentare tradizionale, va realizzato a mano stendendo una sfoglia, spessa circa 2 mm, di pasta di farina di grano tenero, acqua ed eventualmente sale. La sfoglia è poi tagliata a strisce di circa 3/4 mm di larghezza e la lunghezza di circa 30 cm.

Il prodotto viene realizzato anche artigianalmnete dai 4/5 pastifici della zona con semola di grano duro, tramite un processo di estrusione o laminazione, e ammatassato nella tipica forma ad 8.

La forma è molto simile a quella delle stringhe in cuoio da scarpe, dal cui nome si pensa derivi quello degli stringozzi. Esiste anche una leggenda secondo la quale le stringhe venivano usate, al tempo dello stato Stato Pontificio, dagli anticlericali per strangolare i prelati da qui la confusione con il prodotto chiamato strozzapreti; quest’ultimo è del tutto diverso essendo lungo circa 8 cm a forma di S, ottenuto dall’estrusione di un impasto all’uovo.

FONTE: WIKIPEDIA

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Strangozzi al Vino”

NEWSLETTER: ENTRA NELLA NOSTRA CANTINA GOLOSA!

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi le nostre offerte sui prodotti tipici Umbri

*Non preoccuparti non ti invieremo spam